Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

Collaborazioni etero-organizzate ex art. 2 d.lgs. n. 81/2015 e discriminazione per motivi sindacali

28 Giugno 2021 | di Luigi Santini

Tribunale Palermo

Atti discriminatori

È discriminatorio il recesso ante tempus da parte del committente, motivato sulla base della mancata accettazione, da parte del collaboratore ex art.2 D.Lgs. n. 81/2015, dell'applicazione di un contratto collettivo stipulato da una organizzazione sindacale diversa da quella di appartenenza del collaboratore e da quest'ultimo ritenuto peggiorativo.

Leggi dopo

Violazione dei criteri di scelta nel licenziamento collettivo: l'annullamento passa per la preliminare verifica della sussistenza di interesse sostanziale

24 Giugno 2021 | di Paolo Patrizio

Cass., sez. lav.

Licenziamenti collettivi

In tema di licenziamento collettivo, il relativo annullamento per violazione dei criteri di scelta ai sensi della L. n. 223 del 1991, articolo 5, non può essere domandato indistintamente da ciascuno dei lavoratori licenziati ma soltanto da coloro che, tra essi, abbiano in concreto subito un pregiudizio per effetto della violazione, perché avente rilievo determinante rispetto alla collocazione in mobilità dei lavoratori stessi (Cass. n. 1387/2019; Cass. n. 24558/2016).

Leggi dopo

Installazione di impianti audiovisivi sui luoghi di lavoro e tutela del patrimonio aziendale

24 Giugno 2021 | di Sabrina Apa

Cass. pen.

Videosorveglianza

Deve escludersi la configurabilità del reato concernente la violazione della disciplina di cui all'art. 4 legge n. 300/1970, quando l'impianto audiovisivo o di controllo a distanza, sebbene installato sul luogo di lavoro in difetto di accordo con le rappresentanze sindacali legittimate, o di autorizzazione dell'Ispettorato del Lavoro, sia strettamente funzionale alla tutela del patrimonio aziendale, sempre, però, che il suo utilizzo non implichi un significativo controllo sull'ordinario svolgimento dell'attività lavorativa dei dipendenti, «o debba restare necessariamente "riservato" per consentire l'accertamento di gravi condotte illecite degli stessi».

Leggi dopo

Obbligo vaccinale e conseguenze sul rapporto di lavoro in caso di rifiuto del lavoratore pre e post d.l. 44/2021

14 Giugno 2021 | di Camilla Nannetti

Tribunale Modena

Diritti ed obblighi lavoratore

In ambito sanitario o sociosanitario e per lavoratori adibiti ad attività con tale contenuto, un ingiustificato rifiuto a sottoporsi alla vaccinazione contro il virus Sars Cov-2 rende la prestazione (ove non sia possibile la ricollocazione altrimenti del lavoratore) inutile ed irricevibile da parte del datore di lavoro, senza necessità di accertamenti ulteriori...

Leggi dopo

La competenza del giudice del lavoro sull'illegittimità del licenziamento intimato da una società in caso di intervenuto fallimento

07 Giugno 2021 | di Jacopo Ierussi

Tribunale Bari

Licenziamento individuale

Nel caso in cui il lavoratore agisca in giudizio per ottenere la declaratoria di illegittimità del licenziamento con tutela obbligatoria, il fallimento del datore di lavoro non esclude la competenza del giudice del lavoro in ordine a siffatte domande, in quanto soltanto per le pretese creditorie eventualmente proposte in correlazione alla declaratoria di illegittimità del licenziamento...

Leggi dopo

Covid-19, divieto di licenziamento e illegittimità del recesso del datore di lavoro durante il periodo di prova

03 Giugno 2021 | di Cristina Pulvirenti

Tribunale Milano
Tribunale Roma

Licenziamento individuale

Con le sentenze in esame, il Tribunale di Milano ed il Tribunale di Roma sono stati chiamati a valutare la legittimità di alcuni licenziamenti irrogati in costanza del periodo di prova, nel contesto dell'emergenza epidemiologica da Covid-19. Alcune peculiari circostanze contraddistinguono le due distinte fattispecie.

Leggi dopo

Licenziamento per giustificato motivo oggettivo, onere della prova e obbligo di repêchage

28 Maggio 2021 | di Gabriele Allieri

Cass., sez. lav.

Licenziamento economico

In tema di licenziamento per giustificato motivo oggettivo, l'obbligo per il datore di lavoro di dimostrare l'impossibilità di adibire il dipendente da licenziare ad altri posti di lavoro rispetto a quello da sopprimere (cd. obbligo di "repêchage") è incompatibile con motivazioni strettamente collegate alla mera riduzione dei costi per il personale, in quanto il mantenimento in servizio del dipendente, seppure in altre mansioni, contrasterebbe con la predetta esigenza...

Leggi dopo

Trasferimenti d'azienda, cambi di appalto di servizi, clausole sociali ed obblighi di riassunzione

28 Maggio 2021 | di Luigi Santini

Tribunale Bologna

Appalto

In caso di cessazione dell'appalto e di subentro di un nuovo appaltatore nella gestione del servizio appaltato, vanno escluse la sussistenza di un trasferimento d'azienda e l'applicazione del principio di continuità del rapporto di lavoro di cui all'art. 2112 c.c....

Leggi dopo

Non rientra nella giurisdizione del giudice del lavoro la contestazione sulla scelta dei criteri di preferenza nello scorrimento delle graduatorie

24 Maggio 2021 | di Marta Filippi

Tribunale Bari

Lavoro pubblico

Nel caso in cui l'azione giudiziaria sia volta al riconoscimento del diritto all'assunzione contestando la legittimità di un provvedimento amministrativo di macro organizzazione che disponga di coprire i posti resisi vacanti sulla base di criteri diversi rispetto a quello cronologico, consiste nell'avvalersi della graduatoria del concorso anteriormente espletato, si è in presenza di una obiezione che investe l'esercizio del potere discrezionale dell'amministrazione, cui corrisponde una situazione di interesse legittimo.

Leggi dopo

Sfruttamento del lavoro ex art. 603-bis c.p.: è davvero sufficiente un solo indice sintomatico?

24 Maggio 2021 | di Teresa Zappia

Cass., sez. lav.

Diritti ed obblighi lavoratore

Ai fini dell'integrazione del reato p. e p. dall'art. 603-bis c.p. non è necessario l'accertamento della sussistenza di ciascuno degli indici rivelatori dello sfruttamento dei lavoratori. Tenuto conto dell'espressa alternatività di suddetti indici, infatti, è sufficiente la rilevazione anche di uno solo di essi nella fattispecie concreta.

Leggi dopo

Pagine